Famiglia

simpson

Parlare di famiglia è sempre un po’ complicato, in quanto ormai esistono tante famiglie che rappresentano ed esprimono diversità culturali, religiose, geografiche. Quando usiamo la parola famiglia, siamo abituati ad immaginare un unico possibile modello di vita e di relazioni: qualche volta è il modello che ci portiamo dal nostro passato, dalla nostra storia familiare; altre volte è un modello che ha a che fare con rappresentazioni un po’ convenzionali di quel che la famiglia è o dovrebbe essere.

Quando poi si passa dall’immaginazione e dalle idee all’esperienza, ci si incontra – e, qualche volta, scontra – con le differenze e le unicità e le complessità. E ci si sente disorientati e anche un po’ inadeguati.

Il disorientamento e il senso di inadeguatezza hanno spesso a che fare con l’esperienza di esplorare un territorio sconosciuto, di fare incontri inattesi ed imprevisti. E, in effetti, l’incontro tra un genitore ed un figlio  è sovente un’esperienza di sorpresa nell’ambito della quale il figlio sta facendo il proprio viaggio e star cercando i propri modi di stare al mondo e il genitore va in cerca di buone strategie per essere quel che si dice “un buon genitore”.

Certamente un po’ disorientati – e qualche volta un po’ frustrati e preoccupati – sono i genitori che cercano confronto e aiuto ad un professionista. Sono genitori, madri e padri, che si chiedono come fare ad essere una buona madre ed un buon padre. Al fine di sostenere i genitori che lo chiedono nel loro viaggio di scoperta e di evoluzione familiare, è possibile partecipare a percorsi di approfondimento che hanno l’obiettivo di:

  •  esplorare le proprie idee e i propri miti a proposito della rappresentazione di famiglia e di genitore e di figlio;
  • far dialogare aspetti conflittuali che ciascuna persona porta con sè pur in una relazione affettivamente molto significativa quale è quella tra genitori e figli;ù
  • incontrare i propri figli, in quanto persone, al di là delle idee e delle aspettative che ciascun genitore nutre.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *